L'inizio della mia vita da Mamma

( ringrazio cosedamemme per le vignette)

Eccomi qui con il mio nuovo blog a raccontare il giorno in cui sono diventata Mamma.
Devo confessarvi che io mi sono già sentita tale da quelle due lineette, la mia vita da quel giorno è cambiata totalmente.
Il giorno martedì 10 maggio inizio ad avvertire i primi dolori molto leggeri e sopportabili. Il pomeriggio io e Angelo decidiamo di andarci a prendere una crema di caffè al bar sotto casa. Verso le 17 propongo di fare un salto al pronto soccorso giusto per un controllo, così prendiamo la macchina e ci avviamo. Arrivata lì mi fanno fare un tracciato di quasi un'ora e mi viene detto che erano solo contrazioni preparatorie consigliandomi poi di tornare verso le 21 per un altro tracciato.
Torniamo a casa, mangiamo e subito usciamo a farci una lunga passeggiata senza ovviamente allontanarci da casa. Ritorniamo lì all'ora stabilita e mi viene data la stessa risposta del pomeriggio. Torno a casa molto dispiaciuta in quanto ogni volta speravo mi venisse detto “ti ricoveriamo!”.
Non riesco ad addormentarmi nonostante fossi molto stanca e alle 2 di notte inizia “l'incubo”...eccola lì, lei, in tutta la sua bellezza, colei che aspettavo da tanto...LA CONTRAZIONE, QUELLA VERA. Dopo ben due ore di contrazioni a soffrire in silenzio da sola, decido di svegliare Angelo. Corriamo in ospedale (io stavo per spaccare tutto ciò che stava in macchina) e finalmente mi ricoverano!!! L'unica cosa che riusivo a pensare era “manca davvero poco!”...ma tanto POCO non è stato. Per non farvela troppo lunga, vi dico solo che alle 15 ero dilatata DI 4 CM! Non ci volevo credere, non ce la facevo già più. Mi propongono di fare l'epidurale ma io rifiuto costantemente nonostante stessi perdendo tutte le mie forze...alle 17 mi rivistano ed ero di QUASI 5 CM. Inizio a piangere, non sapevo più che fare, volevo che finisse tutto in fretta, stavo perdendo tutte le mie forze e non stava andando come me lo ero immaginato per ben 9 mesi. Mi convincono a fare l'epidurale e finalmente riesco a riposare un po'. Alle 10 dilatazione completa. FINALMENTE, MANCA POCO!!!!! E nemmeno qui...tanto POCO non è stato!!
Spingevo, spingevo ma NIENTE. Non ci riuscivo, l'epidurale non mi faceva sentire niente e non riuscivo a capire se stavo spingendo bene o no. Ho iniziato a urlare che non ce la facevo più, dovevano fare qualcosa perchè stavo veramente MALE. La sala parto si riempe di dottori. Ed eccola lì, finalmente, l'amore della mia vita. A mezza notte e ventidue, del 12 maggio, la vedo. Sara, la mia bambina. Non riuscivo a crederci, era proprio lì davanti a me...vedo Angelo piangere dalla felicità e mi si riempe il cuore di felicità. In quell'istante ho capito una cosa: la mia vita stava iniziando solamente in quel momento, con le persone più importanti per me: il mio compagno e la nostra piccola principessa.

Ecco qui il mio racconto sul parto, un'intera giornata a soffrire ma rifarei tutto pur di mettere al mondo la ragione della mia vita...
Vi lascio con una vignetta che mi rappresenta completamente!






Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento!